FILOSOFIA

IN CUCINA

Massimo Ranieri intitolò un suo album
“Canto perchè non so nuotare”.
Nulla di meglio per poter spiegare la passione per il proprio lavoro.
Io saprei anche nuotare, ma preferisco cucinare.

DIETRO LE QUINTE

icon-title-chef

IL MIO SPAZIO

Dietro le quinte, nel silenzio della mia cucina, ci sono regole ferree da rispettare per ottenere buoni risultati. I tempi sono scanditi, i movimenti decisi e le parole poche. Eppure, qui, in soli 30 metri quadri, mi sento libero. Un paradosso? No! Solamente amore per il mio lavoro.

LA PRIMA REGOLA

icon-title-chef

LA QUALITÀ

L’interpretazione è in generale soggettiva, ma ciò che riteniamo molto importante è l’attenzione nel manipolare le Materie Prime e il conformarsi alla stagionalità dei prodotti che la natura ci offre. La qualità eccellente della materia prima è la base della cucina del mio ristorante.

È un bravo guaglione il giovane cuoco Giulio Coppola… Spirito partenopeo, cucina essenziale e sperimentatrice, con l’occhio sempre rivolto alla Campania, sapori intensi e umiltà straripante. Così mi piacciono i giovani chef del futuro! E poi grande senso dell’umorismo.

Un Giornalista

QUANDO PREPARO

icon-title-chef

UN PIATTO

Dal momento in cui scelgo il primo ingrediente fino quando preparo il piatto, sono avvolto in una atmosfera magica in cui concentrazione, fantasia e passione si mescolano. Il risultato finale è un piccola opera d’arte di cui non posso fare a meno di sentirmi orgoglioso

IL CIBO

icon-title-chef

DELL'ANIMA

La nostra divisa non rappresenta solo il lavoro che facciamo, ma ci ricorda chi siamo e come siamo arrivati fin qui: insieme. L’amore è cresciuto con il nostro lavoro che è anche la nostra passione. Tanto da confondersi e da alimentarsi a vicenda.

Perché quella passione accompagna i nostri giorni ma anche le nostre notti insonni passate a sperimentare piatti e idee nuove. Camilla è la rivoluzione che ha portato in cucina e nel mio cuore una carica di energia positiva, rivitalizzante.

Tutte le volte che penso di non farcela o che cedo alla stanchezza, mi basta guardarla negli occhi solo un attimo per sapere di non essere solo.

La vera essenza di tutte le cose che facciamo è l’amore, che è il cibo dell’anima.

Giulio Coppola